Henry Dunant e l’idea della Croce Rossa

 

 

 

 

 

Una lapide sulla facciata di palazzo Bondoni Pastorio ricorda che proprio qui fu ospitato, nel 1859, Henry Dunant. Giunto da Brescia a Castiglione all’alba del 25 giugno, il giorno successivo alla battaglia in cui si erano affrontati da un lato Napoleone III e Vittorio Emanuele II, e dall’altro Francesco Giuseppe, Dunant fu accolto da Carolina e Luigia Pastorio.
Il benestante uomo d’affari svizzero rimase a Castiglione fino al 30 giugno, ma quei pochi giorni cambiarono completamente la sua vita. A partire dalla stessa mattina del 25 giugno, cominciarono infatti ad affluire in paese migliaia di feriti, molti dei quali gravissimi, reduci dalla battaglia, che era stata assai cruenta. V’era carenza di tutto, e in special modo di medicinali, bende, assistenza medica. Dalla finestra della sua stanza – la prima a sinistra al piano nobile, sul fronte del palazzo – Dunant vide le strade e il piazzale antistante al Duomo riempirsi di feriti. Aiutato dalle Pastorio, che fungevano anche da traduttrici, Dunant si adoperò per fornire il maggior aiuto possibile e coordinare i soccorsi. E fu vedendo la popolazione di Castiglione prestare aiuto a ogni soldato, fosse francese, austriaco o italiano, che nacque nella sua mente l’idea di creare un corpo di volontari, pronto a curare qualunque ferito, senza distinzione di nazionalità. Dunant dedicò il resto della propria esistenza alla creazione della Croce Rossa. Le sorelle Pastorio ricevettero da Napoleone III due medaglie d’argento – che tuttora si conservano – come ringraziamento per l’aiuto prestato ai feriti francesi.

 

29 agosto 2010

Apertura Stanza Henry Dunant

In occasione del centenario della morte di Henry Dunant, avvenuta il 30 ottobre 1910, verrà aperta al pubblico la storica stanza in cui abitò Dunant, in una ricostruzione dell’ambiente dell’epoca, con mobili e oggetti dalle collezioni del palazzo.

È prevista fra l’altro l’esposizione di due importanti libri di proprietà della famiglia Bondoni Pastorio, contenenti testi autografi inediti di Dunant.

La “Stanza Henry Dunant”, caratterizzata da un soffitto a sfondato settecentesco, resterà in seguito visitabile per il pubblico e sarà parte integrante della casa – museo di Palazzo Bondoni Pastorio.

 

 

 

Calendario attività

Museo

Musica e Spettacoli

Pubblicazioni

Percorsi per le scuole

 

il Palazzo      la Statua del Principe

i Pastorio        gli Abati di Castiglione

Henry Dunant       i Bondoni       Il Generale Tellera

Archivio          Attività di Ricerca

CdA         Amici, Members e Patrons          Statuto e bilancio

Contatti e Newsletter

Home